Homepage
Introduzione scientifica:
Inquadramento tecnico:
Per i cittadini:


Osservatorio Rifiuti
INFEA

Tabelle conversione
Leggi e normative
Documenti scaricabili
Glossario
Link

 

Provincia di Rimini - Ambiente gestione ambientale
Torna all'homepage
gestione ambientale
Contattateci
gestione ambientale
Energia e Sviluppo Sostenibile

elettromagnetismo
intro - impatti ambientali - aspetti socio-economici - l'eco-consumatore - link
elettromagnetismo

I numeri e i fatti dell'Eco-consumatore

Il marchio volontario "Energy Star"

    

In casa

  • In media un televisore consuma 175 kWh in un anno. In modalità stand-by può superare il 10% dell’energia totale consumata. È stato stimato che il totale delle apparecchiature lasciate in stand-by in Europa consumino, in questa modalità, l’equivalente dell’energia consumata in Belgio in un anno.

  • Meglio spegnere computer, schermi, TV quando non utilizzati e non lasciare il cellulare in carica se non è necessario.

  • Spegnere sempre PC, schermi e stampanti di notte, in ufficio.

  • Un lavaggio in lavatrice a 90°C consuma 150% più energia di un lavaggio a 40°C

  • Fare lavaggi a pieno carico o a mezzo carico, purché con la possibilità di scegliere il lavaggio a mezzo carico, aiuta a diminuire i consumi di energia!

  • Se si sbrina il frigorifero regolarmente si risparmia fino al 30% dell’elettricità. Quando il ghiaccio raggiunge i 3 mm di spessore è bene eliminarlo. Non posizionare il frigo vicino ai fornelli o allo scaldabagno e non riporvi cibi caldi. Scegli un modello no-frost quando acquisiti un frigorifero!

  • È bene spegnere le lampadine in ambienti dove non stiamo. Se spegnessimo ogni sera 5 lampadine di corridoi e camere, mentre stiamo nel soggiorno, risparmieremmo, in un anno, 60 euro sulla bolletta della luce!

  • Quando acquisti un elettrodomestico consulta la sua etichetta energetica e scegline uno di classe A. Se tutti gli europei utilizzassero elettrodomestici di classe A si risparmierebbe il 10% dell’energia utilizzata, pari al totale dell’energia utilizzata annualmente in un paese come il Belgio.

  • Gli imballaggi rappresentano circa il 50% dei rifiuti prodotti a livello domestico in Europa. Ogni anno gli europei producono rifiuti da imballaggio per un peso pari a 4.000 torri Eiffel. Cerca di acquistare prodotti sfusi oppure prediligi prodotti con poco imballaggio.

  • Utilizza strofinacci, tovaglioli e asciugamani di stoffa invece che di carta. L’uso di prodotti di carta usa e getta produce in media, per un nucleo familiare, circa 50 kg di rifiuti in più all’anno.

  • Utilizzare materiali riciclati invece che materie prime permette di risparmiare l’energia utilizzata per l’estrazione, il trasporto e la raffinazione. Ad esempio 1 kg di allumino prodotto da alluminio riciclato consuma 10 volte meno energia di 1 kg di alluminio prodotto dall’estrazione di materie prime.

  • Se tutte le lattine e i barattoli di alluminio consumati in Europa fossero riciclati si risparmierebbe l’energia necessaria ad un’auto per fare 675.000 volte il giro del mondo!

  

In ufficio

  • Produrre un foglio di carta richiede 10 volte più energia di quella necessaria per fare una copia sul retro di un foglio già usato – il consumo medio mensile di carta di un impiegato europeo è di 70 kg!

  • Riutilizza la carta già usata su un lato come carta di brutta e fai sempre copie e stampe su entrambe le facce. Acquista fotocopiatrici o stampanti con l’opzione fronte/retro.

  • È stato stimato che il totale delle apparecchiature lasciate in stand-by in Europa consumino, in questa modalità, l’equivalente dell’energia consumata in Belgio.

  • Meglio spegnere computer, schermi, TV quando non utilizzati e non lasciare il cellulare in carica se non è necessario.

  • Spegnere sempre PC, schermi e stampanti di notte, in ufficio.  

  

Negli edifici

  • Se la temperatura interna della casa supera i 19 °C, abbassarla di 1 solo °C permette di risparmiare fino al 7% sulla bolletta.

  • Se tutti in Europa lo facessero si risparmierebbe abbastanza energia per illuminare 13.000 città di 200.000 abitanti per un anno! Il consumo di energia per riscaldamento in Europa rappresenta il 60% del consumo domestico.

  • L’uso di energia negli edifici determina il 40% del totale delle emissioni di CO2 in Europa.

  • Per edifici di nuova costruzione o per restauri di vecchi edifici pensate a migliorarne l’isolamento !

  • Per areare gli ambienti il modo più efficiente è di tenere le finestre spalancate per alcuni minuti. Infatti questo permette di cambiare una gran quantità d’aria senza raffreddare le pareti, mentre tenere le finestre un po’ aperte per l’intera giornata non rinnova l’aria a sufficienza e raffredda le pareti, sarà quindi necessario utilizzare più energia per riscaldare le pareti e portare la temperatura della stanza ad un livello confortevole.  

 

  

Nei trasporti

  • I trasporti marittimi sono quelli che consumano meno energia: a parità di quantità di merci trasportate la metà di quelli ferroviari e 5 volte in meno di quelli su gomma.

  • Dal 1990 i voli turistici sono aumentati del 50%. L’aeroplano è uno dei mezzi di trasporto a maggiore emissione di gas serra! Per assicurarti di fare vacanze rispettose dell’ambiente scegli tour operator, hotel e altri servizi che aderiscono ai principi del turismo sostenibile (esiste anche l’ecolabel per i servizi turistici) ed evita di volare se la destinazione è inferiore ai 500 km.

  • Andare in vacanza in treno invece che in automobile o in aereo riduce le emissioni di gas serra del 95%. Un viaggio di 1.200 km in automobile genera gli stessi impatti di un treno che fa il giro del Mondo!

  • Se devi acquistare un’automobile, dal punto di vista delle emissioni di CO2, la scelta migliore è un’auto utilitaria nuova perché le auto usate consumano di più e producono più emissioni mentre i modelli a 4 ruote motrici hanno un impatto doppio rispetto alle utilitarie. Se la tua auto ha l’impianto ad aria condizionata controllalo regolarmente per evitare l’emissione di gas dannosi nell’ambiente.

  • Se organizzi gli spostamenti casa-lavoro insieme a due altri colleghi in modo da utilizzare una sola auto invece di tre auto separate, per un tragitto di 10 km si possono risparmiare in un anno emissioni di CO2 pari a quelle che emetterebbe un auto su un percorso di 9.500 km.

  • Se 1/3 degli europei lo facessero si risparmierebbe in un anno l’equivalente delle emissioni di CO2 dell’intera Svezia (70 Mt).

  • Il settore dei trasporti è in rapida crescita nell’UE ed è il responsabile per il 25% delle emissioni di gas serra. È meglio utilizzare i mezzi pubblici. Quando ciò non è possibile si possono adoperare alcune regole per risparmiare carburante e limitare le emissioni di gas serra viaggiando in auto: non scaldare il veicolo da fermo; è bene avere sempre la corretta pressione dei pneumatici: per 0,5 bar di pressione in meno si consuma il 5% di carburante in più! La 4a e 5a marcia sono le più economiche in termini di consumo.

  • Meglio acquistare prodotti locali perché, rispetto a prodotti importati è stato consumato meno carburante per il loro trasporto. Il trasporto di prodotti per via aerea da una parte all’altra del Mondo può produrre da 200 a 400 volte più emissioni di gas serra che trasportarli in camion su un percorso di circa 50 km.

Tutti i dati e i fatti riportati in questa sezione provengono dal sito dell’eco-quiz Jiffy: http://www.europa.eu.int/comm/environment/toolkits/index_it.htm,